sabato 2 febbraio 2013

A' Chiesoletta

Un vecchio amico, un poeta affermato, nato e cresciuto alla Garbatella, Ruggiero Paccutelli, ci ha mandato una poesia già da qualche tempo ve la riproponiamo con immenso piacere





A’ Chiesoletta - (R. Paccutelli)

Quanto me divertivo da regazzino
Quanno s’annava co’ le buste e ‘i stracci
Da ‘e scarpe ciondolaveno li lacci
Mezza piotta ce voleva pe’ ‘n cremino.

E se passava er tranve era festizia
Giocavamo a pallone dar dottore
Li pommeriggi duraveno vent’ore
E vammoriammazzata l’avarizia.

Er sole ciafrugliava li terazzi
A lecco, a tricche e tracche, a pah, e a picchio
le figurine sbrindellavamo a mazzi

e quarche vorta t’aritrovavi al licchio.
Dar Nasone s’encontravano ‘sti regazzi
Coll’acqua fresca tutti a fasse un bicchio.

A’ lonza la magnavi co’ a’ ciriola,
nun esisteva la parola: ”sòla”.
Tu me dirai a‘ndo sta la chiesoletta?
Abbello, ecche vvoi fa’? Aspera  e ‘spetta !

2 commenti:

  1. Gli anni piu belli della mia infanzia Padre Guido grazie.un abbraccio grande grande
    Luigi De Sorbo

    RispondiElimina
  2. Claudio Micocci22 febbraio 2013 20:32

    V'aricordate Padre Melani quando s'arabbiava?
    "Carognetta fai 5 giri di campo"

    RispondiElimina